Perennemente a dieta? Cos’è che non sta funzionando? 


Iniziare una dieta per molti è un pò come sposarsi: ti leghi a lei vita natural durante. Sai quando inizia e non sai quando finisce. Tutto sintetizzabile con espressioni tipo “sono sempre a dieta” o “è una vita che sto a dieta”, tra le più ripetute in ambulatorio.


Dietro frasi di questo tipo si nascondono due situazioni:  

1) Non riesci proprio a perdere peso

2) Perdi peso ma lo riacquisti puntualmente ricominciando ogni volta da capo

La prima situazione è già stata trattata in quest’altro articolo perciò oggi mi dedicherò ad approfondire la seconda ovvero tutti quei casi in cui la persona fa una dieta, perde peso, lo riprende e si ritrova a dover ricominciare tutto da capo ogni volta.

 

Effetto yoyo

Con effetto yoyo ci si riferisce proprio alla situazione in cui ti metti a dieta, perdi peso e dopo poco lo riprendi (a volte con gli interessi). Fai su e giù con il peso, come uno yoyo per l’appunto. Questa cosa si verifica in più del 95% dei dimagrimenti. 

 

Cos’ha di speciale quel 5% che invece riesce a mantenere i risultati? Come puoi farne parte?

Fortunatamente la risposta a questa domanda oggi ce l’abbiamo. Pensa che per il segreto di queste persone è stato creato in america un registro chiamato ‘National Weight Control registry’ in cui sono iscritte migliaia e migliaia di persone accomunate da una caratteristica: hanno perso peso e sono riuscite a mantenere quel risultato nel tempo.

In questo modo gli scienziati di tutto il mondo, per cercare di arginare il fenomeno obesità, li hanno potuti studiare e oggi siamo riusciti a capire che cos’è che fanno di cosi importante e speciale che gli ha consentito di mantenere i risultati. 

Conoscendo il loro segreto oggi far parte di quella minoranza è molto semplice: ti basterà fare anche tu quello che hanno fatto loro! 

 

Perché è maledettamente difficile?


Se basta comportarsi come loro perché non lo fanno tutti? Se conosciamo il segreto del successo perché sono cosi poche le persone che riescono a raggiungerlo?

E’ evidente: perché adottare i loro comportamenti richiede uno sforzo e l’essere umano vuole tutto senza fatica. Ricorda, “se fosse facile lo farebbero tutti”.

 

Il segreto


Quel 5% di persone che ha successo ha queste caratteristiche: 

  • Il 98% ha definitivamente cambiato abitudini alimentari
  • Il 94% ha iniziato una qualche sorta di attività fisica (la più praticata è semplicemente la camminata) 
  • Il 90% fa questa attività fisica per 1 ora al giorno tutti i giorni
  • Il 75% si pesa almeno 1 volta a settimana
  • Il 62% vede meno di 10 ore di Tv a settimana


Riassumendo: quel 5% ha cambiato stile di vita
 

Rispetto alla prima volta che hanno varcato la soglia dello studio del nutrizionista sono persone cambiate. Magari prima la loro giornata tipo era alzarsi presto al mattino, arrivare in ufficio fermandosi alle macchinette o al bar per un cappuccio e cornetto, spezzare la mattinata con uno snack, pranzare in una tavola calda o con un pezzo di pizza, tirare dritto fino al tardo pomeriggio al rientro a casa per aprire il frigo e/o la dispensa alla ricerca di qualcosa da mangiare davanti alla TV o al computer, per concludere cenando con quello che c’era in frigo.
Al termine del percorso una giornata del genere non è più il loro standard. Magari capita ancora, ma di rado. Oggi, come testimoniano i numeri, hanno abitudini alimentari regolari, cercano di fare più spostamenti possibili a piedi per mantenersi attivi, sono organizzati per i loro pranzi magari portandoselo da casa se sono costretti a pranzare fuori e non hanno una mensa a disposizione, rientrano a casa per dedicarsi ad un po' di attività fisica (a casa o in palestra che sia) e programmano le loro cene in modo che non sia un terno al lotto quello che portano in tavola ma sia un pasto sano ed equilibrato. Il tutto automonitorandosi costantemente sulla bilancia di casa in modo tale da vedere subito se c’è qualcosa che gli sta sfuggendo di mano e non avere brutte sorprese dopo qualche mese quando si decide di risalire per la prima volta sulla bilancia.
 

Finché penserai alla dieta come ad una costrizione di qualche mese non riuscirai mai a mantenere qualsiasi risultato che avrai raggiunto. 

Perderai peso e lo riprenderai ma la cosa non può e non deve stupirti!

Se un certo stile di vita ti aveva portato alla tua condizione di partenza, perché non dovresti ritornarci se riprendi a condurre quello stesso stile di vita?

 


Il vero passo da compiere

Dieta non significa privazione di cibo e costrizione in alcuni comportamenti (es. fare sport) ma deriva dal Greco e vuol dire, guarda un po', “stile di vita”. 

Vuol dire percorso di consapevolezza, presa coscienza e sostituzione di comportamenti errati con altri più virtuosi con lo scopo di farli diventare la tua normalità

Quelle persone che si comportano nel modo che ti ho descritto e che riescono a mantenere i risultati si comportano in quel modo non perché devono! Lo fanno perché oggi è l’abitudine. E’ la normalità. Cosi come prima la normalità era tornare a casa ed aprire il frigo alla ricerca di qualcosa da spiluccare in attesa della cena davanti alla Tv, oggi la normalità è tornare a casa avendo chiaro in testa cosa mangiare per poi fare qualcosa di diverso dallo stare seduti davanti ad uno schermo.

 

Non si stanno privando di qualcosa e costringendo a fare qualcos’altro, anche loro si concedono i piaceri della tavola tanto per intenderci, semplicemente attraverso un percorso alimentare hanno imparato a modificare la quotidianeità e questo non ha scadenza


Tutte le diete funzionano inizialmente ma altrettante falliscono poi perchè non si fa questo delicatissimo passo: non si impara nulla, ci si priva di qualcosa e ci si costringe a fare qualcos’altro per tot periodo di tempo.
Quel 5% di persone che riesce a mantenere i risultati ha fatto questo passo. Non si è ‘messa a dieta’, ma ha iniziato un percorso di cambiamento il cui effetto collaterale è il mantenimento dei risultati che si sono raggiunti.


In quest’ottica si capisce bene perchè le diete drastiche, tipo quelle dove non si mangiano più i carboidrati o dove si elimina il pranzo a favore di un bibitone, trovino veramente poco spazio. Non insegnano nulla e non sono sostenibili. Tanto per intenderci: che fai, non mangi più carboidrati a vita? Sostituisci il pranzo col bibitone a vita?


Diete drastiche trovano spazio in due casi e comunque sempre per poco tempo.

1) In casi in cui il dispendio calorico della persona sia molto basso per cui o la persona lo alza facendo sport o bisogna creare diete molto basse in calorie. (ne ho parlato anche in questo articolo). 

2) Nei casi in cui si ritiene che fare qualcosa di più aggressivo per un breve periodo sia utile a livello psicologico per la persona. Il fatto di veder calare l’ago della bilancia velocemente può essere una forte spinta motivazionale al cambiamento che è utile in chi inizia il percorso scoraggiato.

 

In entrambi i casi bisogna precisare comunque che si tratta di qualcosa di momentaneo che si fa per un motivo ben preciso e che verrà presto accantonato perché non ha nulla di educativo e sostenibile e dunque non consentirebbe di lavorare sulla sostituzione delle cattive abitudini con altre più virtuose. In una parola non servirebbe a nulla per mantenere i risultati ma sarebbe solo un buon modo per prenderti in giro: il peso cala, tu sei contento ma io già so che di lì a qualche mese sarai da capo a dodici.

Potrei lavorare cosi. In fondo tu saresti contento e mi faresti tanta bella pubblicità ma in primis mi sentirei di averti preso in giro e non è professionalmente ed eticamente corretto, ed in secundis mi faresti una pubblicità ancora più forte se quel risultato lo mantenessi! Ultimo motivo è l’enorme, enorme, soddisfazione che provo quando vedo una persona totalmente cambiata che mi ringrazia perché è finalmente uscita dal tunnel delle diete ed ha raggiunto un equilibrio.

 

Se ti senti pronto per fare questo passo e mettere un punto a questa storia io sarò felice di aiutarti. Se sei ancora alla ricerca della dieta che ti faccia perdere 5Kg in 5 giorni passa oltre.


 

 

 

Powered by Froala Editor

Inserisci Commento: